Il peperoncino è una tra le spezie più usate nelle cucine di tutto il mondo ed è il protagonista di molte pietanze. È una droga, rossa e piccante, ingrediente incontrastato nelle ricette. Esalta i sapori, in cucina non conosce limiti, non solo primi e secondi piatti, ma antipasti, dolci, liquori, aperitivi, sottaceti, sottoli, insomma è presente ovunque. Cucina nazionale e cucina internazionale hanno finito per non poterne fare a meno. Lo trovi quasi ovunque pronto a donare qualità e virtù tipiche del pianeta rosso. L’uso del peperoncino dona ai nostri piatti la gioia del colore e il piacere di profumi intensi che ci permettono di alleggerire, se non addirittura eliminare, l’olio, il burro, la margarina, ma anche il sale con conseguente vantaggio per la salute e soprattutto per la dieta. Gastronomi e scienziati finalmente si ritrovano uniti nell’impartire lodi al peperoncino. Con il suo sapore dal dolce al piccante, al piccantissimo, se da un lato rende pungenti i piatti, dall’altro porta una ventata di vigore, energia e benessere fisico e, non ultimi, sensazioni e sentimenti. Poco lavoro, cresce pressoché ovunque, si adatta a qualsiasi ambiente, facile da coltivare e da conservare, questo miracolo della natura è utilizzato in cucina come spezia, ma anche come alimento.

 

E allora a ciascuno il proprio peperoncino!

 


Capsicum Annum - Baccatum - Chinense - Frutescens - Pubescens


Storia

Il peperoncino piccante era usato come alimento fin da tempi antichissimi. Dalla testimonianza di reperti archeologici sappiamo che già nel 5500 a.C. era conosciuto in Messico come pianta coltivata, ed era la sola spezia usata dagli indiani del Perù e del Messico.


Botanica

Le varietà sono almeno 2000, ognuna indicata sul territorio con nomi dialettali legati alla cultura locale, diversi da paese a paese e da regione a regione. Inoltre è molto diffusa l'impollinazione incrociata con gli insetti che si spostano da un fiore all'altro.

 


Morfologia

 La specie più diffusa in Europa è il Capsicum annuum. La descrizione che segue sugli aspetti morfologici, si limita perciò a questa specie. Si tratta di una pianta perenne, che in condizioni di clima sfavorevole, viene coltivata come annuale.

 



Anatomia

Una caratterizzazione completa di semplice sequenza si ripete nei genomi del peperoncino fornendo risorse preziose per lo sviluppo del marcatore dei Capsicum.

 


Benefici

Le proprietà del peperoncino sono molteplici e in molti casi veramente interessanti. Tutto o quasi, è costituito dalla Capsaicina, un alcaloide derivato dalla fissazione dell'azoto con altri elementi chimici.


Cure e Rimedi

Il peperoncino è il frutto della pianta Caspicum annuum. Noto come spezia piccante, aiuta a digerire e ha potenti effetti positivi sul sistema cardiocircolatorio. Scopriamolo meglio.



Specie

Il peperoncino appartiene alla famiglia delle Solanacee, genere  Capsicum, con oltre 35 specie. Una delle colture con maggiore diversità per forma e colore.

 


Varietà

Tutte le specie possono essere coltivate in Italia, anche in balcone, seminando verso febbraio al Centro e al Sud e marzo al Nord, mentre i frutti si possono raccogliere in estate e in autunno.


Prodotti

Incontra il sapore, il colore e, soprattutto, la giusta piccantezza. Il peperoncino piccante vuole portare in casa tua, con un solo click, i migliori ed esclusivi prodotti fatti con peperoncino piccante.



Avversità

Il peperoncino è attaccato da diversi insetti e funghi. Tra gli insetti rivestono maggiore importanza la mosca bianca (Trialeurodes vaporariorum), la nottua (Agrotis ipsilon).

Coltivazione

La semina avviene in febbraio-marzo, a seconda del clima, possibilmente in ambiente riscaldato a temperatura di circa 25-30 °C, con composta da semi, ½ torba e ½ sabbia.

Riproduzione

Il metodo solitamente utilizzato è la riproduzione per seme, anche se è possibile fare delle talee di rami maturi lunghi 10 – 15 cm.